corrieremeridionale.com

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Alla Galleria Misia Arte giovedì sera vernissage della mostra ‘English Version (still). La ricerca artistica nella fotografia inglese contemporanea’

In esposizione anche le fotografie stampate su schede perforate dei vecchi computer, ammirate di recente alla Tate Modern di Londra

È in programma giovedì alle 20,30 a Bari, nella Galleria Misia Arte di via Putignani 153, il vernissage per la mostra ‘English Version (still). La ricerca artistica nella fotografia inglese contemporanea’. In esposizione opere fotografiche di quattro artisti britannici provenienti dalla collezione del barese Angelo Ceglie che ha curato la mostra insieme a Stefano Straziota direttore creativo della galleria Misia Arte: scatti originali presentati per la prima volta a Bari in un evento culturale che fissa alcune coordinate della ricerca fotografica inglese nella scena artistica contemporanea.

Fotografia che amplifica la percezione dello spazio, che indaga le relazioni tra forma, figura e senso, allargando la ricerca all’uso di supporti e materiali inediti e non convenzionali. Di certo non convenzionali le opere da Antony Cairns, esposte di recente alla Tate Modern di Londra e copertina del catalogo della mostra ‘Shape of Light 100 Years of photography and abstract Art’; esse presentano una visione iperrealista di scenari urbani, utilizzando materiali di archeo-tecnologia per le stampe come le schede perforate, principale supporto per archiviare e trattare i dati nei computer fino agli anni ’70. E poi Mac Adams, che attinge dai modelli del cinema e “attraversa la scena” rendendo profonde le sue immagini; Stephen Gill che esegue un’approfondita indagine sui paesaggi (in)contaminati che rappresenta con una speciale tecnica “organica”; Colin Osman, artista, collezionista, studioso e storico della fotografia, che si “muove” nel contemporaneo attraverso sette meravigliosi ritratti al femminile in bianco/nero.

Dagli scatti dei quattro artisti proposti, emergono ricerca del dettaglio, astrazione, indagini sul nudo femminile, alterazioni spaziali e percettive.  La mostra sarà inserita in un percorso di installazioni dedicato alla ricerca di design storico e contemporaneo, condotta da Galleria Misia Arte e Cellule Creative. Alla serie di scatti originali in edizione limitata, cuore dell’evento, sarà collegata la video installazione “Lebenswelt” di Francesco Castellani.

La mostra sarà aperta sino al 12 gennaio tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20. Info: 080 5212826, misiaarte@gmail.com, www.misiaarte.it

Nessun Commento

Sia i commenti che i trackback sono disabilitati.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.