corrieremeridionale.com

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Gli abiti da favola di Roberto Guarducci sul red carpet de La Magia delle Muse

La Magia delle Muse è stato un tripudio di femminilità, un vero e proprio omaggio alla bellezza, all’eleganza e alla sensualità. Giunto alla V edizione, il Galà Fashion Show si è svolto al Circolo Unione di Bari presso il Teatro Petruzzelli ed è stato organizzato dalla Carmen Martorana Eventi con il patrocinio dell’Accademia di Belle Arti di Bari e della Camera della Moda Puglia.

Il luogo prescelto è stata la prestigiosa Sala dedicata alle Muse ispiratrici dell’ideale supremo dell’arte e della bellezza, impreziosita con dorature in oro zecchino e affreschi e dipinti.

Voluto dal presidente del Circolo Unione Giacomo Tomasicchio, l’evento è stato ideato e diretto da Roberto Guarducci, stilista per oltre un ventennio nella maison Fendi – e attualmente docente di Fashion Design all’Accademia delle Belle Arti di Bari e direttore artistico di eventi fashion e glamour – che, in occasione del suo 40°anniversario di carriera nell’alta moda, ha realizzato una collezione di abiti – che si caratterizzano per i preziosi tessuti italiani valorizzati da raffinate e ricercate lavorazioni sartoriali, e per la creatività, l’innovazione, l’eleganza e, soprattutto, per lo stile – ispirata dal genio della pittura Giovanni Boldini, che più di ogni altro ha saputo interpretare il fascino femminile e i vestiti sontuosi della Belle Époque.

In passerella la collezione di alta moda sposa e abiti da sera di Gianni Molaro, stilista-artista napoletano, il cui ricamo, progettato e realizzato a mano, avvolge l’intaglio artigianale dei pizzi e il gioco sensuale delle trasparenze sulla schiena – il fashion designer partenopeo è impegnato in “Detto Fatto”, la trasmissione condotta da Caterina Balivo in onda su Rai 2 -; la linea di Franco Ciambella, stilista romano che, con i suoi vestiti da sogno, si ispira a Venere, dea dell’Amore e principio vitale della continuità dell’esistenza, e prende gli spunti creativi dal poema di Lucrezio il “De rerum natura” – ha vestito diverse celebrità, tra cui Elena Sofia Ricci e Claudia Gerini -; la collezione Nuit Claire di Arianna Laterza che è ispirata nei colori al cielo stellato che avvolge le notti della città di Parigi, ricca di magia, poesia e arte, con abiti principeschi ornati con stelle di cristallo su tulle, pailettes che illuminano il tessuto velato e preziosi ricami su raso; la collezione dell’Accademia di Moda Sitam di Lecce, contraddistinta da grafiche digitali stampate su velluto e voile, e ricami di paillettes per rappresentare segni di luce, rinascita, evoluzione e affermazione simbolica della donna – la linea è dedicata al diritto all’autodeterminazione e trae ispirazione da Magritte, noto pittore surrealista belga, e dal suo celebre dipinto Memory -; e la linea di gioielli e accessori Divina, firmata dalla jewels designer Claudia Perdicchia (in arte Tittà) come tributo alla cantante lirica Maria Callas – le preziose creazioni sono dotate del potere seduttivo e glamour rappresentato da elementi iperfemminili come piume, perle e cristalli Swarovski che donano alla donna contemporanea un’allure unica per uno stile originale -.

La bellezza delle modelle è stata esaltata dai professionisti dell’hair style Beautè Parrucchieri Bari di Michele Palmisano e Anna e Tonino International Coiffeur, storico salone di Ginosa, e dal team dell’Isfov – Scuola di Estetica e Acconciatura guidato da Mariateresa Mileo, docente di make up presso il prestigioso istituto.

Durante la serata è stata consegnato il Premio Musa dell’anno – realizzato in ceramica dall’artista Ciro Bentivoglio di Grottaglie – alla Signora Elsa Bonvino, moglie del presidente del Circolo Unione, Giacomo Tomasicchio, per il suo impegno profuso nell’organizzare eventi culturali nel circolo più antico e prestigioso del capoluogo pugliese.

Ad arricchire La Magia delle Muse è stato lo spettacolo di danza della Los Angeles School Dance Company, il cantante Mario Rosini, secondo al Festival di Sanremo 2004, e il duo musicale composto da Sabrina di Maggio al violino e Valentino Scarangella al pianoforte.

Il servizio fotografico e video è stato affidato a Massimo Ruvio e Vito Bozza per la Camera della Moda Puglia e Basilicata, e a Luigi D’Arcangelo Puglia Wedding.

Si ringrazia: Atelier Miss and Lady by Giulio Lovero, Gioielleria Corchia, Palazzo Sartoriale, Palace Hotel, Dedalo-Sensi Sommersi, Allianz di Palazzo e Capozzo, Ricicla, Tekno Italia di Mallardi Marilena, Pasticceria Ancona, Cecenero cucina e pizza d’autore, Pizzeria Ristorante Il Principe, Azienda Agricola Flortec F.lli Tricarico, Fiori e Piante di Graziano Magliocco, Ceramica Antica di Ciro Bentivoglio, Ceramiche Spagnuolo Rosaria, Ceramica Giovanni D’Abramo.

Nessun Commento

Sia i commenti che i trackback sono disabilitati.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.